Pillola del giorno dopo e pillola dei cinque giorni dopo, tutto ciò che c’è da sapere

Pillola del giorno dopo e pillola dei cinque giorni dopo, tutto ciò che c’è da sapere

E’ importante ricordare innanzitutto che la pillola del giorno dopo o la pillola dei cinque giorni dopo rientrano in quella che viene definita “Contraccezione d’emergenza” e come tale deve essere utilizzata sporadicamente e non deve mai sostituire un metodo aniconcezionale regolare.

C’è una domanda alla quale spesso vengono date risposte superficiali ed errate ed è: la contraccezione d’emergenza interrompe una gravidanza? In realtà no, la contraccezione d’emergenza non rappresenta un’interruzione di una gravidanza, ma in realtà previene una gravidanza, il che è notevolmente diverso. Non si può pertanto parlare di aborto. Viene considerata una metodica di supporto, perciò perfettamente assimilabile alle altre metodiche anticoncezionali secondarie.

Un elenco dei casi in seguito ai quali andrebbe utilizzata:

  • rottura del preservativo, sfilatura o non corretto utilizzo dello stesso;
  • ritardo nell’assunzione della pillola anticoncezionale, mancato assorbimento dovuto a fenomeni come vomito o diarrea;
  • ritardo nell’applicazione del cerotto anticoncezionale, rimozione prematura dello stesso;
  • rottura, lacerazione o rimozione del diaframma;
  • fallimento del coito interrotto;
  • mancato utilizzo di un metodo contraccettivo;
  • Errori di calcoli nei metodi di prevenzione naturale;
  • Casi di violenza sessuale per prevenire eventuali gravidanze indesiderate.

Quali sono le metodiche di Contraccezione d’emergenza?

  • inserimento di uno IUD (Intra Uterine Device);
  • assunzione di una compressa di Levonorgestrel da 1,5mg (NORLEVO) disponibile dal 2000;
  • assunzione di una compressa di Ulipristal acetato 10mg (ELLAONE) disponibile dal 2012;

Lo IUD deve essere applicato entro 5 giorni dal rapporto sessuale non protetto ed ha un’efficacia del 99%. Deve essere inserito ambulatorialmente e può essere mantenuto successivamente oppure rimosso per continuare con un metodo contraccettivo diverso.

Ma vediamo più a fondo le differenze tre la pillola del giorno dopo e la pillola dei cinque giorni dopo.


La pillola del giorno dopo o Levonorgestrel (nome commerciale NORLEVO)

Il Levonorgestrel, detto volgarmente pillola del giorno dopo, non impedisce l’impianto dell’embrione; non causa un aborto e non danneggia una gravidanza.

La pillola del giorno dopo viene chiamata così in quanto deve essere assunta massimo entro le 72 ore dopo l’avvenuto rapporto sessuale non protetto. Studi hanno dimostrato che il Levonorgestrel previene una gravidanza di un valore che va dal 52% all’85%. La sua efficacia aumenta con la tempestività dell’assunzione. Per intenderci se assunto entro un’ora avrà un’efficacia molto elevata rispetto a dopo 72 ore dal rapporto.

Può essere assunta in qualsiasi fase del ciclo. In caso di vomito o diarrea entro le tre ore dall’assunzione deve essere assunta una seconda compressa. Dopo la sua assunzione deve essere utilizzato un metodo contraccettivo fino al successivo ciclo mestruale, in quanto il Levonorgestrel non rappresenta un metodo contraccettivo di normale utilizzo. Al tempo stesso è importante ricordare che se si fa uso di un metodo contraccettivo (pillola anticoncezionale) al momento dell’assunzione della pillola del giorno dopo, esso non deve essere interrotto, ma fino al successivo ciclo mestruale è bene utilizzare anche un metodo contraccettivo aggiuntivo come il preservativo.

Il suo meccanismo consiste nel bloccare e/o ritardare l’ovulazione sopprimendo l’innalzarsi dell’ormone luteinizzante o LH. Bloccando o ritardando l’ovulazione impedisce quindi la fertilizzazione dell’ovulo impedendo così la gravidanza. Se assunto dopo che il picco dell’LH è avvenuto non ha effetto, ecco perchè deve essere assunto entro le 72 ore dal rapporto sessuale non protetto. Per il 60-80% viene eliminato dai reni, mentre per il 40-60% dal fegato.

In caso di allattamento

allattamentoIn caso di allattamento è bene allattare subito prima dell’assunzione della compressa, oppure raccogliere il latte utilizzando il tiralatte e congelarlo in quanto il Levonorgestrel, passando nel latte materno verrebbe assunto dal bambino con complicazioni secondarie. Per le tempistiche di metabolismo ed eliminazione del farmaco è inoltre raccomandato di non allattare per le successive 8 ore.

Effetti collaterali

Gli effetti collaterali più riportati sono capogiri, nausea, mal di testa, dolore all’addome basso, dolore mammario, ritardo delle mestruazioni, mestruazioni abbondanti, sanguinamento uterino ed affaticamento.


La                     pillola dei cinque giorni dopo o Ulipristal acetato (nome commerciale ELLAONE)

L’Ulipristal acetato, nome commerciale del farmaco ELLAONE, è il principio attivo di quella che viene definita pillola dei cinque giorni dopo. Il suo meccanismo d’azione consiste nell’inibire o nel ritardare l’ovulazione. Il termine pillola dei cinque giorni dopo deriva proprio dal suo tempo d’efficacia. Infatti agendo sulla soppressione dell’ormone luteinizzante anche in fase di ascesa (ma non a picco avvenuto) riesce a differenza del Levonorgestrel ad essere efficace in una fase nel quale il primo non lo è.

Quando e come deve essere assunta

La compressa di Ulipristal deve essere assunta comunque il prima possibile (in quanto la sua efficacia è maggiore) ma comunque non oltre le 120 ore (5 giorni) dal rapporto sessuale non protetto avvenuto. Come nel caso del Levonorgestrel, qualora si verificasse vomito o diarrea entro le tre ore dall’assunzione della compressa è necessario assumere una seconda compressa. Può essere assunta in qualsiasi momento del ciclo a stomaco pieno o vuoto. Nel caso in cui si stia assumendo un metodo contraccettivo come la pillola anticoncezionale al momento dell’assunzione di Ulipristal è necessario sapere che ne potrebbe ridurre l’effetto, pertanto si consiglia sempre l’utilizzo di un metodo contraccettivo secondario come il preservativo almeno fino alla successiva mestruazione.

Ma la differenza tra Levonorgestrel e Ulipristal riguarda solo le tempistiche di assunzione?

In realtà no, l’Ulipristal ha dimostrato un efficacia maggiore rispetto al Levonorgestrel. In uno studio recente (2010) è stato riscontrato che la probabilità di una gravidanza in seguito all’assunzione di Levonorgestrel entro 24 ore successive ad un rapporto sessuale non protetto è del 2,5% mentre con Ulipristal dello 0,91%. Si desume quindi che l’Ulipristal, attualmente in commercio con il nome di ELLAONE ha un efficacia maggiore e può essere assunto con tempistiche che coprono un lasso di tempo maggiore.

L’efficacia dell’Ulipristal nel prevenire una gravidanza indesiderata è del 98% mentre quella del Levonorgestrel è del 52-94%.

Dove e come posso acquistare un contraccettivo d’emergenza?

Dal 4 marzo 2016, sia NORLEVO che ELLAONE possono essere acquistate:

  • per donne minorenni con prescrizione medica in originale valida una sola volta (il Farmacista tratterrà la ricetta) presso Farmacia, Parafarmacia e corner nella grande distribuzione (dovrà essere sempre presente un Farmacista)
  • per donne maggiorenni senza obbligo di prescrizione (SOP) medica presso Farmacia, Parafarmacia e corner nella grande distribuzione (dovrà essere sempre presente un Farmacista).

Se ti è piaciuto l’articolo e vuoi approfondire ti possiamo consigliare di leggere i seguenti articoli:


 

Referenze:

  1. R.E. Nappi Contraccezione di emergenza: è tempo di cambiare Giorn. It. Ost. Gin. CIC Edizioni Internazionali 2013 May – June; 35(3): 489–496. ISSN: 0391-9013
  2. Moreau C, Bouyer J, Goulard H, Bajos N. The remaining barriers to the use of emergency contraception: perception of pregnancy risk by women undergoing induced abortions. Contraception. 2005;71(3):202–7
  3. http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0140673610601018
  4. Moreau C, Trussell J, Michelot F, Bajos N. The effect of access to emergency contraceptive pills on women’s use of highly effective contraceptives: results from a French national cohort study Am J Public Health. 2009;99(3):441–2
  5. World Health Organization. (In association with the International Consortium for Emergency Contraception, International Federation of Gynaecology and Obstetrics, International Planned Parenthood Federation, Department of Reproductive Health and Research). Fact sheet on the safety of levonorgestrel alone emergency contraceptive pills.
  6. Circolare Ministero della Salute del 22 05 2015
  7. Gazzetta Ufficiale n.52 del 3 marzo 2016 -Determina AIFA 1 febbraio 2016
  8. SIFAC -Società Italiana di Farmacia Clinica- Protocollo di indirizzo sulla contraccezione d’emergenza: 24 dicembre 2015
La maggior parte delle fonti di questo articolo sono già collegate alle parole scritte in celeste, sulle quali puoi cliccare e collegarti direttamente alla fonte dalla quale abbiamo preso le informazioni.